Il Presepe di cartapesta di Cassibile non si tocca! Romano comincia la sua battaglia

Intanto su Facebook inondano le polemiche di persone che non sono d'accordo alla demolizione. E tu cosa ne pensi?

Il Presepe di cartapesta di Cassibile non si tocca! Romano comincia la sua battaglia

Il Presepe di cartapesta di Cassibile non si tocca! Romano comincia la sua battaglia
CASSIBILE – Il presepe di cartapesta di Cassibile deve essere abbattuto perché vìola le norme urbanistiche. Paolo Romano, il presidente della circoscrizione ha cominciato già la sua battaglia per impedire la distruzione. Il tutto è partito con un’ordinanza del Comune di Siracusa che intima la demolizione del presepe, entro il 30 maggio.

Ci vogliono togliere anche il nostro Presepe in cartapesta – scrive in un post Paolo Romano –esempio di laboriosità, di tradizione e rievocazioni storiche culturali della nostra civiltà e religiosità. Uno degli orgogli di Cassibile- Fontane Bianche famoso nel mondo per la sua esclusività e unicità. Per tale occasione – continua la nota –  il gruppo cartapesta sta raccogliendo delle firme per bloccare questo scempio con uno stand presso l’ippodromo del Mediterraneo in occasione della festa della Fragola, dove sarà possibile firmare. Mi appello alla sensibilità di tutti per salvare questo patrimonio culturale non permettiamo che manufatti artigianali di carta e legno vengano considerati allo stesso modo delle ville abusive (mai demolite) costruite sul mare le regole e le leggi devono essere rispettate ma tutti nello stesso modo….in questo caso credo non si possa parlare neanche di abusivismo”.

L’ordinanza – fanno sapere dal comune – nasce a seguito di controlli da parte degli uffici che hanno riscontrato in loco una serie di infrazioni urbanistiche, che hanno fatto scattare un verbale e così come previsto dalla legge, l’ordine di ripristino dei luoghi e l’ordinanza emessa.
Intanto su Facebook inondano le polemiche di persone che non sono d’accordo alla demolizione. E tu cosa ne pensi?

+++ Rispondi al sondaggio su Facebook cliccando qui +++

Print Friendly, PDF & Email