CIAO PADRE ARCANGELO…

5506di Morena Zingales
(CSB.com3.0) CASSIBILE – Non ci sono parole per descrivere il dispiacere della comunità cassibilese, religiosa e non. Quello che è accaduto nella sera del 22 ottobre è un episodio che lascia sgomenti. Don Arcangelo Rigazzi, il prete di Cassibile, è salito alla casa del Padre. La sua morte improvvisa crea un vuoto incolmabile nei cuori di chi gli ha voluto bene e di chi ha avuto modo di conoscerlo.
Padre Arcangelo, 67 anni, avrebbe festeggiato a dicembre i 39 anni di ordinazione sacerdotale. Don Rigazzi è arrivato a Cassibile alla fine degli anni 90, dopo la morte di Don Antonio Saitta e dopo il breve sacerdozio di Padre Gaudioso. Fin da allora ha dedicato, a modo suo, la propria esistenza a più deboli, ai meno fortunati, ai sofferenti, alle famiglie e agli svantaggiati.
Con Lui scompare una persona di Fede e di religiosità. Padre Arcangelo resterà nei cuori dei cassibilesi e molti lo ricorderanno, anche coloro che l’hanno giudicato, criticato e non apprezzato come prete.
Commenti e frasi d’amore per Padre Arcangelo riempiono le pagine di Facebook. Link, condivisioni, foto ricordo sono stati pubblicati da tantissime persone, sul famoso social network.
Il profilo personale del prete è stato preso d’assalto da frasi come queste: “Si sono aperte le porte del Paradiso per una persona speciale, semplice, generosa e altruista, per un testimone d’amore e dell’invisibile, per una guida spirituale, per un fratello, un amico, un padre, un uomo dall’apparenza forte ma fragilissimo, per una persona che si è spesa sempre per i più deboli fregandosene di chi ha tentato di mettergli i bastoni fra le ruote, per uomo che ha sempre avuto una parola dolce e di conforto verso tutti…. insomma per una persona fuori dal normale, per una persona grandiosa e formidabile Don Arcangelo Rigazzi, per sempre nel Cuore di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo” [Stefania Calanni].

I quotidiani cartacei, purtroppo, parlano di Padre Arcangelo come un personaggio conosciuto e controverso. Alcuni giornali chiamano quanto accaduto un “giallo” da chiarire. Altri addirittura riportano: “L’ipotesi dell’omicidio al momento è la più remota”.
Frasi fuori luogo hanno lasciato molti cassibilesi a bocca aperta, come quelle riportate sul giornale più importante della Sicilia: “Don Arcangelo ha sempre difeso la frazione del “mostro”, sostenendo con veemenza che lì, in quelle contrade che ad alcuni facevano paura si sentiva il respiro di un’umanità laboriosa e incompresa “.
Facebook è la testimonianza di tutto: rabbia, sconforto, oltre che dolore, prevalgono nel cuore di molti concittadini, non solo per quanto è successo, ma soprattutto per come i giornali chiamano Cassibile: “Frazione del mostro”.
Non si sanno ancora i motivi della morte di Padre Arcangelo. Restano molti interrogativi! Una cosa è certa: i cassibilesi sono dispiaciuti per la Sua improvvisa scomparsa.
Il comunicato dell’Arcidiocesi di Siracusa: “È deceduto il 22 ottobre, sembra per cause naturali, padre Arcangelo Rigazzi, 67 anni, parroco di Cassibile (Siracusa). Padre Arcangelo stava camminando a piedi in via Servi di Maria quando è stato colto da un malore, forse un infarto. Sul posto e’ arrivata l’ambulanza del 118, ma i soccorsi sono stati inutili”.

Il fatto: Verso le 19 del 22 ottobre, in Via Servi di Maria è stato trovato senza vita il corpo di Don Arcangelo Rigazzi, sessantasette anni, parroco della chiesa di San Giuseppe a Cassibile. A quanto pare dalle prime ricostruzioni il parroco stava facendo una passeggiata, quando colto da un improvviso malore si è accasciato a terra. Il corpo è stato trovato da alcuni passanti che hanno subito chiamato l’ambulanza e le forze dell’ordine, le quali non appena giunte in loco hanno allontanato i vari curiosi, isolando la zona e permettendo così agli investigatori della Scientifica di poter fare i rilievi del caso. Sul posto è intervenuto anche il medico legale, il Dott. Francesco Coco, il quale ha rilevato una ferita di 3 centimetri sul cranio. Solo gli esiti dell’autopsia, prevista nella mattinata del 24 ottobre, potranno fornire la dovuta chiarezza sull’accaduto.

La salma di Don Arcangelo è arrivata a Cassibile nel pomeriggio di mercoledì 24 ottobre ed è stata accolta all’ingresso del paese da molti cittadini.
I funerali di Don Arcangelo Rigazzi sono stati celebrati, giovedì 25 ottobre, alle ore 15.30 nella chiesa di San Giuseppe a Cassibile. Il rito è stato presieduto dall’Arcivescovo Mons. Salvatore Pappalardo. Alla cerimonia, oltre ai cassibilesi, erano presenti tutte autorità civili, militari e religiose.

Print Friendly, PDF & Email