Un lapillo è stato lanciato su Fontane Bianche

FONTANE BIANCHE – A tre giorni dalla fine della manifestazione, possiamo tirare una prima analisi della terza edizione della Festa della Musica. A caldo, non abbiamo voluto esprimerci per non alimentare nessuna polemica, e abbiamo prima di tutto voluto leggere le critiche (quelle costruttive) e ascoltato tutti i pareri attorno a noi. Abbiamo anche detto che si, la manifestazione non è stata impeccabile, e che di errori ne abbiamo commessi. Ce ne rendiamo perfettamente conto, e ci scusiamo con il pubblico e con gli stessi artisti.

Non essendo organizzatori d’evento per professione, ogni anno abbiamo avuto problemi e una valanga di critiche. Ma le abbiamo sempre prese in considerazione, come questa volta, per poi migliorare l’anno dopo.

Come associazione culturale organizziamo due eventi l’anno, scommettendoci tempo, soldi, e mettendo tutta la passione per il territorio, e per l’arte, che abbiamo. E ogni volta ci sorbiamo tante critiche, diciamo che mai più faremo nulla per la città, ma poi siamo li sempre a pensare a luoghi da valorizzare, e riempire di vita. E’ nel nostro DNA.

Abbiamo letto e ascoltato parerei discordati. Lamentele a tutto campo, e critiche costruttive. Ma abbiamo anche sentito parlare di una Fontane Bianche piena di gente come non accadeva dagli anni 80, di un ritorno di vita e musica in una baia che da anni non vedeva nulla del genere.

Organizzare una festa così estesa è stato un lavoro immane, e non è stato semplice riuscire a sistemare gli innumerevoli inconvenienti tecnici che sono sorti. Alcune postazioni sono andate alla grande, altre no. Ce ne scusiamo ancora. Ma siamo fermi sulla scelta di Fontane Bianche. E’ stata una nuova edizione zero, di una manifestazione che può migliorare. Grazie alla collaborazione di enti, associazioni di volontariato, e dei tanti ragazzi che hanno dato una mano a titolo gratuito, abbiamo visto che la location può accogliere tranquillamente iniziative del genere.

La viabilità ha funzionato, i parcheggi hanno funzionato. la pulizia delle spiagge – prima e dopo – ha funzionato, la passeggiata sul mare di Via Mazzarò è stata bellissima, sorrisi in spiaggia ne abbiamo visti tanti, e di tutte le nazionalità.

E l’affluenza c’è stata, l’abbiamo calcolata tenendo conto dei parcheggi (privati e comunali) che, durante tutto l’arco della giornata, hanno fatto due rotazioni. Questo vuol dire che hanno partecipato alla festa oltre 5000 persone, dislocate su tutte le postazioni, 5000 persone che si aggiungono alle 2000 presenze di turisti presenti in baia, che hanno partecipato alla festa, e si sono divertiti (come ci confermano i titolare degli hotel).

Su 4 km di costa, è cosa ovvia che non si è avuto la sensazione di boom della Graziella. Ma siamo sicuri di aver lanciato un sasso, di aver fatto parlare di una località dimenticata, e dai feedback che ci stanno arrivando siamo sicuri di essere andati sulla strada giusta. Fontane Bianche è pronta ad accogliere altre iniziative. Ci hanno chiamato privati e associazioni, proponendoci di organizzare altro sulla baia. Un “lapillo è stato lanciato”. Noi, come associazione, porteremo agli organizzatori la nostra esperienza maturata nell’ideazione delle festa, e i consigli che ci sono arrivati nelle ore successive. E possiamo già confermarvi che, durante quest’estate, sono già in programma già altri due eventi a Fontane Bianche. Noi siamo ben contenti.

ILapilli vogliono ringraziare quanti hanno collaborato attivamente alla realizzazione della terza edizione della Festa della Musica Europea, un team grande ed eterogeneo, che ha dato il massimo mettendo in campo competenze e idee. Un enorme grazie va al Comune di Siracusa, al settore Mobilità, all’assessorato al turismo, ai Vigli Urbani, ai volontari di protezione civile, alla circoscrizione Cassibile – Fontane Bianche, ai volontari dei Vigili del Fuoco, all’associazione Civica Fontane Bianche – Cassibile, al coordinamento delle contrade Marine, a Confcommercio. Un mega grazie (per la pazienza e la comprensione anche) a tutti gli artisti, gli sportivi, gli artigiani, i fonici, i ragazzi del service. Un applauso ai media partner, agli sponsor, ai partner tecnici, alle strutture che hanno collaborato, a tutti i volontari della cultura in campo, e a tutto il pubblico che ha saputo dovertisi, e che ci sta dando consigli per migliorare.

Festa della Musica è di tutti voi, e abbiamo bisogno delle idee e i suggerimenti di chi vuol, ancora una volta, accedere un riflettore sull’immensa bellezza del nostro territorio. Noi siam pronti a nuove sfide, le idee non mancano. Grazie, e scusate i disagi. Noi, torniamo alla nostra vita.

Pace, amore & gioia infinita.

1 Commento

  1. Non credo che si possa criticare chi ci mette l’ anima per realizzare un evento come la ” Festa della Musica”. Le critiche ed i suggerimenti, se costruttivi, sono sempre bene accetti, purchè si dia sempre atto a quanti: Organizzatori, volontari, Associazioni di volontariato, Istituzioni, artisti, operatori tecnici e semplici cittadini coinvolti, operatori turistici ecc. Un evento di tale dimensioni può aver avuto delle criticità,ma questo rientra nel normale. Solo chi non fa niente non sbaglia mai ed è pronto a criticare e fare le pulci all’ evento, ma questo non è accettabile. Un suggerimento agli Organizzatori: Un coordinamento più stretto con le varie organizzazioni di volontariato sopratutto con l’ Associazione ” Comunità Civica Cassibile Fontane Bianche” per organizzare la prossima del 2015 molto tempo prima e sopratutto molto più affascinante sia nell’ organizzazione che nei contenuti. Bravi! Bravi! Bravi.

I commenti sono bloccati.