Tentato omicidio, scarcerato trentasettenne, era legittima difesa

A deciderlo il Gip al termine dell'interrogatorio di garanzia

Tentato omicidio, scarcerato trentasettenne, era legittima difesa

Tentato omicidio, scarcerato trentasettenne, era legittima difesa

Il 37enne cassibilese T.M. (le iniziali), è libero. Il giovane nella notte tra venerdì e sabato era stato arrestato per tentato omicidio ai danni di un altro uomo A.D.P., piombato in casa sua [leggi qui]. A deciderlo il Gip al termine dell’interrogatorio di garanzia, nel quale è stato comunque convalidato lo stato di arresto del trentasettenne, senza però alcuna misura restrittiva a suo carico. Le richieste dei legali del giovane cassibilese sono state accolte. Il colpo di fucile esploso è stato solo legittima difesa.

La storia era nata a causa di alcuni dissidi legati a presunta relazione tra T.M. e la fidanzata di A.D.P. Quest’ultimo si era presentato nell’abitazione di T.M. per avere chiarimenti, ma non avendo risposta ha iniziato a tirare pugni e calci alla porta dell’abitazione e a urlare, sfondandola e facendo ingresso. T.M., sentendosi minacciato, ha esploso un colpo con il suo fucile, colpendo lo zoccolo a circa 40 centimetri dalla porta. I Carabinieri erano intervenuti immediatamente sul posto procedendo al sequestro dell’arma e all’arresto dei due.

Tentato omicidio