Arenella: Ritrovate telecamere rubate alla Provincia e al Comune

Scrivi al giornale

telecamere_rubate(cassibile.com) SIRACUSA – Sono bastati pochi giorni alla Polizia Provinciale per identificare l’autore del furto di 6 telecamere della Provincia Regionale installate lungo strade provinciali per il contrasto allo smaltimento illecito di rifiuti.

Le telecamere erano state trafugate alcune notti fa e dopo poche ore la Polizia Provinciale, raccogliendo una serie di elementi, ha avuto dei sospetti su un soggetto, già noto al Comando, per cui ha richiesto all’Autorità Giudiziaria l’emissione di un decreto di perquisizione di tre locali nella disponibilità del sospettato.

Le perquisizioni, su disposizione del Pubblico Ministero, sono state effettuate dal Corpo Forestale – Aliquota Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Siracusa – e dagli uomini della polizia provinciale.
In un magazzino ubicato in Siracusa, in contrada Fanusa, sono state ritrovate tutte le telecamere sottratte alla Provincia e altre due che erano state sottratte al Comune di Siracusa e installate anche queste lungo strade provinciali.

Durante la perquisizione, inoltre, gli agenti si sono accorti che era stato realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica per cui è stato richiesto l’immediato intervento del personale dell’ENEL che ha provveduto al distacco.
Sono stati rinvenuti anche dei segnali stradali appartenenti alla Provincia Regionale di Siracusa, a quella di Ragusa e alla Telecom.

In una villetta del sospettato, in contrada Arenella, è stata trovata un’autovettura Mercedes 220 per la quale era stata presentata una denuncia di furto lo scorso mese di marzo. Nel bagaglio dell’auto sono state rinvenute altre telecamere di provenienza sospetta, un DVR e un monitor.
Il soggetto, oltre che per i furti delle telecamere, dei segnali stradali e dell’autovettura è stato denunciato anche per furto di energia elettrica.

Si tratta di un giardiniere di Siracusa, di 45 anni, in passato già denunciato dalla Polizia Provinciale per gestione illecita di rifiuti e per violazione di sigilli.
Ulteriori indagini sono in corso a cura del Corpo Forestale – Aliquota Polizia Giudiziaria presso la Procura della Repubblica di Siracusa – e della Polizia Provinciale per chiarire ogni aspetto della vicenda.