Operazione “Mare nostrum”, soccorsi 553 migranti, fermati 3 scafisti

Sono 553 i migranti,  donne e bambini, molti dei quali piccolissimi, di varie nazionalità soccorsi lunedì e martedì a sud di Lampedusa dalle unità navali della Marina militare italiana. Tre gli scafisti fermati dal Gruppo interforze contrasto immigrazione clandestina della Procura di Siracusa. E’ questo in estrema sintesi il bilancio dell’operazione “Mare Nostrum”, operazione scattata lunedì quando le navi della marina militare, Foscari, Maestrale e San Giorgio hanno intercettavano a sud delle coste dell’Isola di Lampedusa, un peschereccio in legno, di probabile nazionalità egiziana, in precarie condizioni di navigabilità, privo di bandiera e di sigla di identificazione.

Le unità navali militari, una volta raggiunto il peschereccio, hanno recuperato i migranti, che nel pomeriggio di ieri sono giunti nel  porto commerciale di Augusta.

Il Gruppo interforze contrasto immigrazione clandestina ha attivato le indagini in stretta collaborazione con lo staff della nave San Giorgio. Una volta ormeggiato il peschereccio e fatti sbarcare i migranti, gli investigatori hanno ascoltato i testi, sono stati acquisiti gli elementi raccolti dalle navi della Marina, vale a dire le schede di identificazione, album fotografici, dati dei sopralluoghi effettuati a bordo del peschereccio, filmati e foto, oggetti in possesso dei migranti. Insieme al personale specializzato della polizia dell’ufficio di frontiera marittima di Siracusa, della

guardia di finanza e dei carabinieri di Augusta, della guardia costiera di Augusta, della marina militare e dell’agenzia delle dogane, gli investigatori hanno  individuato i tre traghettarori/scafisti di nazionalità egiziana, che avevano organizzato ed effettuato la traversata dalle coste libiche a quelle italiane.

L’operazione è il risultato di un lavoro sinergico e specializzato a livello investigativo posto in essere da Gruppo interforze contrasto immigrazione clandestina, e si aggiunge alle numerose altre attività di contrasto al grave fenomeno dell’immigrazione clandestina già avviate e portate a compimento.