SIRACUSA, CROCETTA COINVOLTO IN INCIDENTE, GRAVE AGENTE DI SCORTA

rosario-crocetta-1
Rosario Crocetta

Rosario Crocetta, presidente della Regione siciliana, è rimasto coinvolto in un incidente stradale sull’autostrada Siracusa-Catania. Il governatore siciliano è uscito indenne dallo scontro, ma tre dei suoi uomini che viaggiavano nell’auto di scorta sono rimasti feriti, due dei quali in modo grave. Gli agenti sono rimasti schiacciati dalle lamiere della vettura. A renderlo noto è un dispaccio stampa della formazione politica il Megafono, che fa riferimento a Crocetta. Il più grave fra i tre feriti della scorta del governatore Crocetta, tutti ricoverati nell’ospedale Umberto I di Siracusa, è Vincenzo Zerbo, 50 anni. Sottoposto a tac, i sanitari gli hanno riscontrato traumi cranico e toracico. Quando saranno stati completati gli accertamenti verrà ricoverato nella divisione di Rianimazione.

 

I medici si sono riservati la prognosi. Meno allarmante, anche se pure in questo caso la prognosi è riservata, le condizioni dell’altro agente di scorta, Antonio Grigoli di 41 anni: ha subito una frattura esposta alla caviglia destra e sarà ricoverato in ortopedia. La prognosi potrebbe essere sciolta una volta completati gli accertamenti. L’addetto al seguito del Governatore, Giuseppe Comandatore, 52 anni, ha invece riportato una serie di forti contusioni. Le sue condizioni non destano particolare apprensione.  “Per queste ragioni- si legge nel comunicato dell’ufficio stampa della formazione politica il Megafono – l’organizzazione del Megaforum su disposizione del coordinatore provinciale, Giuseppe Caudo, ha deciso di annullare il corso di formazione per gli amministratori del Megafono che si sarebbe dovuto tenere domani mattina, domenica 22 settembre, e tutti gli spettacoli del Megaforum”. “Sono vicino agli agenti coinvolti nell’incidente di oggi ed esprimo la mia solidarietà al Presidente Crocetta e alla Polizia di Stato – ha detto il sindaco di Palermo Leoluca Orlando – Aspetto con trepidazione notizie sullo stato di salute degli agenti, alcuni dei quali conosco personalmente”.