Che fine ha fatto la cassa integrazione agli artigiani? Famiglie in ginocchio

Che fine ha fatto la cassa integrazione agli artigiani? Famiglie in ginocchio

Poche notizie sulla cassa integrazione Fsba dei mesi passati da pagare agli artigiani. “Si comunica che a seguito dell’utilizzo delle risorse totali di FSBA, abbiamo provveduto all’erogazione della quasi totalità delle prestazioni relative alle competenze di febbraio, marzo, aprile 2020 e iniziato maggio. Non appena il Ministero, che ci ha assicurato la massima attenzione e tempestività, ci invierà le ulteriori risorse definite del Decreto Rilancio, saranno gestiti tempestivamente anche i pagamenti residui fino al 12 luglio 2020”. E’ quanto si vede scritto aprendo la home page della Fsba. Sempre nel sito internet compaiono una serie di link da cliccare con le procedure, versione aggiornata al 10 settembre 2020.

Gli artigiani e le loro famiglie sono stremate, non ce la fanno più a vivere, non hanno più un soldo. Non solo non lavorano, ma non percepiscono nessuna cassa integrazione o contribuzione che possa a loro dare un sostegno. I più fortunati (pochi) ne hanno preso una parte, i meno fortunati (molti), non hanno preso niente e devono chiedere aiuto al portafoglio dei genitori per chi li ha ancora in vita.

Una situazione drammatica alla quale noi giornalisti non possiamo fare molto. I commenti arrivati alla nostra redazione giornalistica parlano di disperazione tra le famiglie di artigiani. Molti di questi sono stati cancellati perché contenevano insulti, al governo, ai politici e anche a noi giornalisti. Commenti che aizzavano alla rivolta di massa. E’ comprensibile tutto ciò, ma insultare un giornalista che fa onestamente il proprio lavoro e che magari, essendo una Partita Iva, si trova nelle stesse condizioni degli artigiani, non è una cosa carina. Anche i giornalisti non percepiscono soldi, sopratutto gli autonomi.

Il giornalista non c’entra nulla! Questo giornale che è un servizio gratuito, lo ripetiamo ancora una volta, non ha alcun legame con il fondo FSBA. Noi non siamo loro. L’erogazione della cassa integrazione non spetta a noi. Non capiamo tutto questo accanimento verso il nostro giornale.

Chiediamo di commentare con garbo e tutti i commenti che contengono insulti in futuro saranno automaticamente bannati dal sistema e tutti gli altri saranno approvati da un amministratore dopo la aver verificato se può essere pubblicato. Insultare è un reato punibile penalmente e se avviene tramite il web la pena aumenta. Occorre tutelare e tutelarsi.

Questo giornale offre un servizio gratuito, usatelo con garbo e cura nell’esporre i vostri problemi.

Informazioni su Morena Zingales 2346 Articoli
Giornalista pubblicista

14 Commenti

  1. SICILIA: Cassa integrazione, nei conti correnti degli artigiani oltre otto milioni di euro. Partiti 18 mila bonifici, entro lunedì saranno completati i pagamenti: saldato il 2020. Lunedì mattina saranno completati dall’Fsba-Ebas, oltre 18.000 bonifici a lavoratori del comparto artigiano della Sicilia, che saldano tutte le casse integrazioni del 2020 e che sono state rendicontate entro febbraio 2021. Per un totale di poco più di 8 milioni di euro. “Tranne sporadiche rendicontazioni che i consulenti non hanno provveduto ad inviare in tempo – spiegano da Ebas Sicilia, che gestisce Fsba, il fondo istituito da Confartigianato, Cna Casartigiani, Claai e Cgil, Cisl e Uil – entro lunedì sarà saldata tutta la cassa integrazione del 2020. Inoltre stiamo già lavorando alla verifica delle domande dei primi due mesi del 2021 e contiamo, a fine marzo, di mettere in autorizzazione le casse integrazioni di gennaio e febbraio”. Da aprile in poi, Fsba dovrebbe essere nelle condizioni di comunicare al ministero del Lavoro, mensilmente, il fabbisogno delle somme, in base alle rendicontazioni trasmesse man mano dalle imprese o dai consulenti.

  2. Dateci una mano non abbiamo più niente a fine mese e i soldi che ci devono iniziano a diventare tanti.
    A me devono dare ancora la cassa integrazione precedente al covid da dicembre a marzo è quella del covid da maggio ad agosto
    Tante promesse che nn mi aiutato a sfamare i miei figli

  3. Lo stato sa solo fare promesse ma non sa mantenerle, quanta povera gente in ginocchio che non può sfamare neanche i figli, se uno già non lavora perché il periodo è quello che è… almeno provvedete ad essere puntuali a mandare la cassa integrazione alle famiglie, alla fine arriva anche una miseria ma quel poco mandatelo in modo che le famiglie possano permettersi almeno la dignità di mettere un piatto a tavola.

  4. Non so più come andare avanti non ho neanche più il denaro per fare un po’ di spesa ……credevo molto alle parole che ha detto il nostro presidente ( nessuno resterà in dietro ) ma purtroppo solo parole ma fatti niente…..ci state togliendo anche la dignità….AIUTATECI

    • Ma è possibile che non ci sia una sede dove protestare… nessun sindacato che si faccia sentire al governo?? È vergognoso e umiliante!! Lavoratori di serie B

    • Su Facebook abbiamo creato un gruppo Lavoratori che aspettano la cassa integrazione artigiani. Iscrivetevi per condividere insieme esperienze e ogni informazione. Insieme supereremo questo momento

  5. Purtroppo e veramente scandaloso..chissà se avremo qualcosa..
    Sta colpendo la dignità di noi lavoratori..chi può faccia qualcosa

  6. Trovo vergognosooooooo, e ripugnante, come questo governo ha lasciato soli al proprio destino, i dipendenti del comparto artigianato.Meno male che nessuno doveva rimanere indietro.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*