Entra nel vivo “Insieme si può”, l’esercitazione di protezione civile del Comune

Ha preso il via ieri per concludersi domani l’esercitazione della Protezione civile comunale “Insieme si può” dedicata quest’anno al rischio idrogeologico. Superata la fase formativa, si è entrati adesso nel vivo dell’esercitazione che servirà a verificare e perfezionare i modelli di intervento, l’efficienza del centro operativo comunale e delle sale operative e il livello di collaborazione tra istituzioni, enti e associazioni di volontariato.

L’esercitazione di ieri è stata dedicata ai tecnici comunali, che hanno effettuato dei sopralluoghi nei punti critici segnalati dal Centro Operativo Comunale (C.O.C.) simulando il caso di una vera emergenza. Da ieri pomeriggio le associazioni di Volontariato facenti parte il Coordinamento comunale di Protezione Civile, hanno allestito presso il C.O.C di via Elorina, l’area di ammassamento dei soccorsi: per l’occasione sono state montate delle tende ministeriali, occupate dai volontari, e la cucina da campo.

Oggi sono stati delineati gli scenari dell’esercitazione sul territorio comunale. Sono stati attivati i Mini COC, i Centri operativi dei quartieri Neapolis, Epipoli e Santa Lucia presso l’11 Istituto comprensivo di via Monte Tosa e all’Istituto comprensivo Raiti di via Pordenone che saranno presidiati dal personale delle Circoscrizioni e dai rappresentanti del Tavolo Tecnico permanente della Protezione civile comunale.
Le squadre miste di geologi, ingegneri, architetti e geometri hanno cominciato ad eseguire gli accertamenti tecnici e a redigere le schede previste nel Piano di emergenza che saranno poi trasmesse al Centro operativo comunale.

E stanotte le squadre hanno simulato un’emergenza nell’emergenza, scaturita dalla comunicazione da parte della Questura e della Capitaneria dell’arrivo alla Fanusa di un barcone con clandestini a bordo. Sono state allertate ed approntate altre 8 squadre con 40 volontari che si sono portati sulla costa pronte per l’intervento che, ovviamente, non è stato necessario ma è servito a verificare la capacità di gestire due emergenze diverse nello stesso momento.

Molto soddisfatta l’assessore alla Protezione civile, Maria Grazia Cavarra, che sta seguendo da vicino tutte le varie fasi dell’esercitazione. “La prevenzione è attività fondamentale nelle pratiche di protezione civile, in uno alla sensibilità della cittadinanza. Per questo abbiamo coinvolto il territorio attraverso le Circoscrizioni e guardiamo con grande attenzione al mondo della scuola, dove si formano i cittadini del domani”.
Sotto questo aspetto domani, domenica 8 giugno presso il COC. di via Elorina, avverrà l’incontro tra le mini squadre di Protezione civile degli Istituti Comprensivi della città ed i volontari delle Associazioni del coordinamento. I componenti delle mini squadre avranno la possibilità di visitare l’area di ammassamento dei soccorsi, la cucina da campo e il C.O.C.

Foto di Massimiliano Rossitto (Misericordia di Cassibile)