Era ai domiciliari, truffava online in tutta Italia

E' stato ammanettato di nuovo dai Carabinieri di Cassibile, al seguito del maresciallo comandante, Corrado Lupo

Causarono perforamento del timpano a minore, puniti a Cassibile gli autori della rissa

Era ai domiciliari, truffava online in tutta Italia

Era agli arresti domiciliari, ma se ne infischiava alla grande delle prescrizioni impostagli dalla giustizia, e continuava a truffare su larga scala. M.R., già arrestato in passato per furti e una serie di raggiri, è stato ammanettato di nuovo dai Carabinieri di Cassibile, al seguito del maresciallo comandante, Corrado Lupo.

Pur sottoposto all’istituto dei domiciliari, M.R. ha continuato a truffare parecchie persone e per colpire ha utilizzato le nuove tecnologie, le truffe avvenivano online. Le segnalazioni dei suoi raggiri, ai Carabinieri di Cassibile, sono arrivate un po’ da tutta Italia. E sono stati gli stessi militari cassibilesi che hanno segnalato il fatto all’autorità giudiziaria.

Il sostituto procuratore della Repubblica di Siracusa, Davide Lucignani, a seguito delle indicazioni arrivate dagli investigatori dell’Arma, ha chiesto ed ottenuto dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Siracusa, Carmen Scapellato, l’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Il provvedimento è stato eseguito dagli uomini del Maresciallo Lupo. Arresto che è stato inevitabile in quanto M.R. ha più volte violato le prescrizioni che gli erano state imposte. Non avrebbe dovuto utilizzare il cellulare, né il computer, e niente contatti con persone estranee alla sua cerchia familiare. Tra le prescrizioni anche quella di non evadere – come invece ha fatto in passato – dagli arresti domiciliari. Per tutto questo, in sostanza, M.R. è stato associato alla Casa Circondariale “Cavadonna” a Floridia di Siracusa.

Era ai domiciliari