Mensa scolastica, Patrizia Casella “Romano deve dire la verità”

A Cassibile uno sportello per segnalare disservizi, parte la sperimentazione di City Reporter

da Patrizia Casella (vicepresidente circoscrizione di Cassibile) – riceviamo e pubblichiamo
“Romano deve dire la verità, perché il fuorviante è proprio lui. Nessuna richiesta da parte nostra di rinvio, decisione presa all’unanimità da tutti i consiglieri di non trattare i primi due punti all’ordine del giorno.

Questo dopo la nostra nota di ulteriori chiarimenti al Direttore generale comunale sull’applicazione della sentenza del tar, in quanto riteniamo di non essere l’organo competente per una nuova proclamazione di eletti e di una nuova riassegnazione di seggi.

A ciò è seguita la richiesta da parte del consigliere Galati di prelevare il punto che come afferma il “buon samaritano” non parlava di mensa scolastica, ma avrebbe consentito di affrontare e discutere del problema sorto per la mensa degli studenti di un plesso scolastico, che il consigliere Galati ha seguito con solerzia e conosceva l’importanza.

Al contrario di qualcun’altro che siede al palazzo e aspetta che la luna esca dal pozzo, ma i colleghi consiglieri e il presidente hanno preferito nella seduta di martedì di rinviare, senza trattare l’argomento.

Dichiarazioni false? Ma come si permette, il plenum del consiglio dopo le dimissioni del consigliere Bianca può attendere. Ricordo a qualcuno che le cose si devono fare secondo legge. Qualche mese fa diceva così lo stesso presidente per la surroga precedente (quella del consigliere La Runa) alla quale si è rimasti senza plenum per diversi mesi, al contrario i problemi dei nostri cittadini non possono essere ignorati. DIMETTITI!!!!!!!”

Informazioni su Morena Zingales 2317 Articoli
Giornalista pubblicista

2 Commenti

  1. Senza voler in alcun modo interloquire in questa disdicevole diatriba, voglio solamente dire che, ciò che è veramente “LESIVO” degli interessi comuni dei cassibilesi,e pertanto va aspramente “REDARGUITO”, è il venire a conoscenza che i consiglieri, invece di cooperare per la soluzione dei tanti, sottolineo tanti, problemi del paese in una sorta di “problem solving”:analizzare una situazione ed escogitare una adeguata soluzione, siedono in consiglio per sparare a zero l’un contro l’altro armati!. Non è possibile, cari consiglieri!, non vi abbiamo scelti perché gli appartenenti al centro destra cerchino di prevaricare quelli del centro sinistra e viceversa. Vi abbiamo dato la nostra fiducia perché eravamo convinti che avreste, quanto meno, cercato di portare a conoscenza dell’amministrazione comunale i nostri annosi bisogni , di COMUNE ACCORDO, non importa se schierati a destra o a sinistra, e di suggerire ad Essa valide ipotesi di soluzione per Cassibile. Ma così facendo non si va da nessuna parte, anzi…! . Quando sedete in “civil consesso”, di grazia, dimenticate il colore del partito politico, guardatevi negli occhi e dite: “Cassibile ha bisogno di… cosa possiamo fare per….” Questo è il vostro compito per cui siete stati chiamati!!!

  2. E’ prassi consolidata delle Assemblee Elettive ( Camera, Senato, Consigli Regionali, Consigli Comunali e quindi anche i Consigli Circoscrizionali) che non potendo, per vari motivi (che non elenco per non annoiare i lettori nostri Concittadini) trattare subito un punto all’ O.d.g. se ne preleva un’ altro che abbia una urgenza maggiore per la comunità. Questa la sintesi di quanto successo in Consiglio di Circoscrizione nella seduta di Martedì scorso. Il Presidente Romano ed il suo schieramento di centrodestra hanno ritenuto che il problema relativo alla mensa dei bambini, di cui il Consigliere Galati, sostenuto da tutto lo schieramento di Centrosinistra, ne chiedeva il prelevamento per discuterlo immediatamente in quanto urgente per la comunità ed in questo caso riguardante i Bambini, non si dovesse trattare perchè non si trattavano i due punti precedenti che invece riguardavano interpretazioni giuridiche e quindi temi squisitamente politici che non riguardavano la cittadinanza ma solo la Politica. Paolo Romano non riesce a sdoppiare la sua funzione di Politico? dalla figura di Presidente della Circoscrizione e quindi di rappresentante della comunità intera. Questo è un atteggiamento grave, lesivo degli interessi comuni di Cassibile Fontane Bianche, e per questo và criticato e redarguito fino al punto di richiederne le dimissioni? Forse è pesante la richiesta ma non è certamente meno pesante e aggiungo deplorevole il comportamento del Presidente Romano. Orazio Musumeci Segretario Circolo P.D. Cassibile

I commenti sono bloccati.