Movimento Sal – Sviluppo, Autonomia, Lavoro, presentato il Coordinamento di Augusta

Anche ad Augusta, dopo Melilli e Solarino, si è costituito il coordinamento cittadino di Sal – Sviluppo, autonomia, lavoro, il movimento presieduto dall’on. Giambattista Coltraro, segretario della commissione Attività produttive dell’Ars. Il nuovo circolo, uno dei più grandi della provincia, è stato presentato ufficialmente nella sede di via Lavaggi, dove sono intervenuti anche i responsabili provinciali di alcuni settori del movimento: Sebastiano Ponzio per lo sport, Renato Scatà per la cultura e il cinema, Peppe Assenza e Peppe Scala per le politiche giovanili, Domenico Morello per l’ambiente, Carmelo Gulino per la scuola e Antonio Cammaleri per l’energia e lo sviluppo economico.

Nel corso dell’incontro sono infatti stati illustrati idee e progetti riguardanti alcuni settori del movimento, non tralasciando la tematica dell’immigrazione “che a breve – ha spiegato il deputato regionale Giambattista Coltraro – sarà affrontata tramite l’organizzazione di un tavola rotonda con esperti dell’argomento per dare risposte e notizie esatte alla popolazione, troppo spesso disinformata e preoccupata”.

La carenza di impianti sportivi pubblici è stata affrontata da Sebastiano Ponzio, che ha spiegato: “Oltre a lavorare all’ambizioso progetto di una cittadella dello sport ad Augusta, l’iniziativa mira alla realizzazione di una città degli sport del mare, una struttura che si potrebbe organizzare per esempio mediante la concessione di un’area demaniale, dove poter collocare costruzioni leggere e mobili per riattivare strutture già esistenti”.

Sta lavorando a una politica nuova, soprattutto per incoraggiare le opportunità di lavoro per i ragazzi, Peppe Assenza che, assieme a Peppe Scala, ha anticipato: “La nostra idea è di creare uno sportello dedicato a tutti i cittadini, per dare risposte e informazioni in materia giuridica o fiscale, per esempio, ma soprattutto per fornire supporto ai giovani con idee imprenditoriali da sviluppare”.

“Sto valutando le criticità e soprattutto le realtà culturali esistenti in ogni Comune della provincia – ha aggiunto Renato Scatà – per creare un vero e proprio movimento di rinascita legato al cinema e al teatro. In programma ci sono già diverse visite all’interno di strutture dedicate al cinema, chiuse da tempo e dimenticate, che potrebbero rinascere grazie alla collaborazione delle associazioni in sinergia con il movimento Sal”.