Artigianato, sbloccate risorse, trasferiti soldi al fondo FSBA attesi

Artigianato, sbloccate risorse, trasferiti soldi al fondo FSBA attesi

“Finalmente è stata sbloccata la prima tranche di risorse per le prestazioni di sostegno al reddito dei dipendenti delle imprese artigiane in sospensione dal lavoro ‘per Covid-19’, grazie al grande lavoro svolto dalla Confartigianato nazionale attraverso i suoi massimi esponenti, dal presidente Giorgio Merletti al segretario generale Cesare Fumagalli”. Lo si apprende da una nota stampa di Confartigianato sottolineando che sono nella disponibilità del Fondo di solidarietà bilaterale dell’artigianato parte dei fondi stanziati dal Decreto Rilancio.

Ora, il Fondo di Solidarietà Bilaterale dell’Artigianato potrà proseguire con l’erogazione delle prestazioni già da tempo avviata per i mesi di febbraio e marzo, prima dell’emergenza Covid.

Il trasferimento delle risorse a FSBA era atteso dal 19 maggio, ripetutamente sollecitato da Confartigianato. Che, anche venerdì, con una dichiarazione alla stampa del segretario generale Cesare Fumagalli, aveva bollato come “inaccettabile il ritardo immotivato”, sollecitando al Governo risposte immediate: “Ci spieghino i ministri del Lavoro e dell’Economia – aveva detto Fumagalli – quale giustificazione può avere il non trasferimento di somme già stanziate. Lo spieghino agli imprenditori artigiani che non sanno più che risposte dare ai loro collaboratori. E’ questa è la capacità di risposta all’emergenza? Trentasette giorni per trasferire i soldi? Abbiamo un problema davvero grave di cattiva burocrazia”.

“Ora – sottolinea il segretario di Confartigianato dopo lo sblocco dei primi fondi – ci aspettiamo che in continuità vengano accreditate le restanti risorse previste dal Decreto Rilancio”.

Informazioni su Morena Zingales 2356 Articoli
Giornalista pubblicista

5 Commenti

  1. Ci hanno messo in C.I. nel mese di maggio, a singhiozzo, e poi giugno e po luglio.
    Nè io nè i colleghi abbiamo visto alcunchè e ci chiediamo tutti quando li vedremo questi soldi.
    INPS ha risposto che essendo azienda artigiana non sono loro a dover erogare la C.I.

  2. Scusate siamo a quasi fine luglio ed ancora non si vede un centesimo,io sono a casa da 3 settimane quando invece altri miei colleghi lavorano e si portano lo stipendio intero,adesso ci e stato detto che stanno iniziando a pagare ma quando?io aspetto il mese di aprile maggio giugno e anche luglio visto che sta finendo,secondo voi e giusto che c’è chi mangia e chi no? Da dire che ho anche un bambino che se mi chiede un giorno in piscina devo negarglielo grazie al nostro governo complimenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*