Misericordia è… Cassibile ha aperto la sua Porta Santa

Cassibile sarà parte attiva di questo Giubileo Santo, come è parte del pensiero di Dio ogni giorno

Misericordia è... Cassibile ha aperto la sua Porsa Santa

Misericordia è… Cassibile ha aperto la sua Porta Santa

dalla Parrocchia di San Giuseppe – Papa Francesco ha proclamato un anno Santo intitolato alla Misericordia per portare la Chiesa e tutti noi verso nuovi modi di pensare e agire: offrendoci cioè al prossimo in fratellanza e perdono. Il Giubileo ha origini antiche. Nell’Antico Testamento era considerato un evento sociale e religioso. Secondo la legge di Mosè ogni sette anni veniva celebrato un anno sabbatico durante il quale la terra veniva fatta riposare dalle coltivazioni, si liberavano gli schiavi e si condonavano i debiti. Ed era lo Jobel (termine ebraico dal quale deriva la parola Giubileo), uno strumento a fiato ricavato dal corno di un ariete, che annunciava con il suo suono l’inizio di tale evento. Da quel momento il popolo ebraico abbracciava una nuova cultura con la quale ricercava l’eguaglianza sociale, la solidarietà fraterna e la remissione dei peccati perché, un giorno, Dio aveva già fatto tutto questo portando in salvo dall’Egitto il suo popolo.

E poi arrivò Gesù di Nazareth che duemila anni fa, nella sinagoga del suo paese, diede inizio “a una nuova era definitivamente giubilare”. Egli infatti quel giorno annuncia un Vangelo di perdono, di amore verso il prossimo e ci riscatta dalla schiavitù del corpo e dell’anima liberandoci dal peccato. Egli stesso ci insegna da quella sinagoga di Cafarnao duemila anni fa, cosa sia la Misericordia di cui oggi parla papa Francesco in questo Giubileo. “Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l’unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi e predicare un anno di grazia del Signore” (cfr. cap.4, 16-21).

Il Giubileo porta con sé ieri come oggi le sue opere corporali e spirituali da innescare. Dar da mangiare agli affamati. Dar da bere agli assetati. Vestire gli ignudi. Alloggiare i pellegrini. Visitare gli infermi. Visitare i carcerati. Seppellire i morti (opere corporali). Consigliare i dubbiosi. Insegnare a chi non sa. Ammonire i peccatori. Consolare gli afflitti. Perdonare le offese. Sopportare pazientemente le persone moleste. Pregare Dio per i vivi e i morti (opere spirituali). Cari fratelli, oggi, nel 2015, stiamo per immergerci in un anno di Grazia, dove ognuno di noi deve diventare portatore sano di Misericordia! Sotto la guida di padre Salvo i gruppi parrocchiali e le associazioni cercheranno di farsi servizio a servizio di quella Misericordia che Dio ci dona ogni giorno.

E attraverso le varie proposte e le varie iniziative ci si impegnerà a portare a compimento, qui a Cassibile, parte di quelle opere corporali e spirituali sopracitate. L’intero paese come pure la chiesa di San Giuseppe verranno rivestiti di striscioni che indicheranno l’anno che stiamo per vivere tutti insieme. Anche noi qui a Cassibile apriremo una porta Santa simbolica che ci congiungerà con quella della Chiesa a Roma e con tutte quelle che forse verranno ad aprirsi nelle parrocchie vicine in occasione del 13 dicembre, Santa Lucia. Un angolo della Misericordia posizionato in piazza ci terrà compagnia, ci informerà con notizie e gesti tutto l’anno e molto altro ancora tenteremo di fare per vivere la Misericordia che papa Francesco ci ripropone.

Noi ministri di Comunione ci immergeremo con voi cari amici in questo anno Santo, tenteremo di costruire con voi una catena di … Misericordia, simile a quella del Padre che ogni volta ci perdona e ci accoglie come il Figliuol Prodigo.

Cassibile sarà parte attiva di questo Giubileo Santo, come è parte del pensiero di Dio ogni giorno; così che anche noi possiamo in questo modo compiere i nostri piccoli miracoli quotidiani di … MISERICORDIA! Salvatore Carone

Domenica 13 dicembre il Giubileo della Misericordia ha aperto la sua porta a Cassibile.
Don Salvatore Arnone ha guidato un’intera Comunità all’evento e alcuni ragazzi di Parole in Marcia, volantino parrocchiale, si sono dati appuntamento per documentarlo. Ve ne offriamo una brevissima testimonianza con questa intervista.

Misericordia è…

Misericordia: è la via che unisce Dio all’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati, per essere nonostante, il limite del nostro peccato. Cettina Lucifora

Il Signore non si stanca mai di perdonare, siamo noi che ci stanchiamo di chiedere perdono…( parole di Papa Francesco ). PER—-DONO un DONO grande per dare e ricevere perdono…misericordia…amore… Spesso Signore mi sono arrabbiato con TE, per la mia malattia, e per i tanti problemi della mia vita. Padre aiutami a chiederTI perdono. Molte volte ho calunniato, giudicato, criticato Padre aiutami a chiedere perdono a tutti i fratelli che ho offeso……e ad accettare il perdono di coloro che a loro volta mi hanno ferito. Tutti i miei sbagli sono diventati un peso insopportabile e i sensi di colpa mi fanno star male, Padre aiutami a perdonare me stesso. Sono genitore e spesso riverso sui figli e sui nipoti una rabbia esagerata, Padre aiutami ad educarli al rispetto, all’amore, al perdono e ad usare le parole : “scusa, grazie, permesso “. Padre aiutami a seminare e a testimoniare con umiltà e con l’esempio della mia vita ,ciò che GESU’ ci ha insegnato: Perdono, Misericordia, Pace, Gioia e il tuo AMORE , senza limiti e senza condizioni. GRAZIE PADRE PERCHE’ MI CHIAMI FIGLIO E MI ASPETTI SEMPRE A BRACCIA APERTE…… Giovanna Noto

La misericordia è la parte più essenziale dell’uomo. Nasce quando con la Resurrezione di Cristo, Gesù si è fatto strumento ed esempio di Misericordia. Pasquale Randazzo

Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della Misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È la via che ci unisce al Padre perché apre il cuore alla speranza. Carmelo Ficara

Misericordia, oppure perdono, pace, comprensione. Misericordia corporale e spirituale. Il nostro Papa Francesco ne fa oggetto di riflessione, ogni giorno. Noi lo sappiamo mettere in pratica? A volte si, altre volte no. Se vogliamo essere in grazia di Dio, sforziamoci di più ad amare il prossimo di comprendere i suoi bisogni, di curare le sue ferite, di perdonare le sue offese. In questo modo, veramente, saremo più vicini al Signore. Alfio Monaco

L’amore misericordioso ha tutte le caratteristiche dell’amore inteso nel senso più ampio. Contiene in sé tutto ciò che costituisce il contenuto dell’amore paterno, materno, coniugale, fraterno, amichevole; e che è benigno, paziente, compassionevole, premuroso, servizievole, che perdona ed è fedele. La misericordia è il secondo nome dell’amore; è l’amore che ci spinge più lontano perché solleva l’uomo dalla povertà morale. Francesca La Runa

La parola Misericordia è la parte più profonda della parola Amore, essa non conosce molti aggettivi, per definirla, non ci vogliono molte parole, non si pone molte domande perché è la parte incondizionata dell’amore. Cettina Alessi

Misericordia è rispetto e gentilezza. Se noi non usiamo queste parole, è inutile parlare di Misericordia! Nino Zingales

Dio ha Misericordia dell’uomo! Ma l’uomo ha Misericordia dell’uomo? Maria Concetta Terranova

La Misericordia è come una pietanza: per essere gustosa ha bisogno di tutti gli ingredienti. Angelo Di Raimondo

Misericordia è: ritornare ad essere bambini … “Amen vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli ” (Mt 18, 3). I ministri straordinari della Comunione

Informazioni su Morena Zingales 2327 Articoli
Giornalista pubblicista