Rosario ha trovato la sua vera mamma…

Frame da "C'è posta per te"

Tutte le storie di “C’è Posta per te” fanno scendere le lacrime, ma quella andata in onda su Mediaset, ieri sera 24 gennaio 2015, lo è stato ancora di più perché sullo schermo della famosa trasmissione di Maria de Filippi c’era un cittadino di Cassibile: Rosario Caruso (Peppe per gli amici) con la moglie Ketty Artale e la figlia Giorgia.

Rosario, ora ha 41 anni, è spostato con Ketty e ha 3 tre figli. E’ stato cresciuto da due persone che fin da piccolo si sono presi cura di lui, ma non erano i suoi veri genitori. Rosario non ha mai conosciuto la sua vera madre. Rosario adesso, attraverso il programma di Maria de Filippi, l’ha trovata.

Maria de Filippi in Tv ha raccontato la storia di Rosario e, parlando a nome suo, ha detto:

“Se tu chiedi alle mie figlie chi è la loro mamma e chi è il loro papà, anche la più piccolina che ha 4 anni, con la manina indica me e indica mia moglie. Io invece non saprei dirti chi è mia madre perché non l’ho mai vista. Ho 41 anni e non conosco il viso di mia madre. Non so dove vive, so solo che mi ha abbandonato. So che ci sono altri figli, ho dei fratelli, so che li ha cresciuti, non so perché ha scelto di non crescere me. Ogni 17 aprile è il mio compleanno, io penso alla donna che mi ha messo al mondo e mi domando se lei penserà a me…Ho 41 anni, ormai sono una persona matura, non sono più arrabbiato, sono anche dispostissimo a perdonare. Voglio capire quali sono le mie radici, voglio capire però il perché e spero ci sia un perché che in qualche modo spieghi o giustifichi questo fatto. Io ero un bambino e sono cresciuto con un uomo e una donna che pensavo fossero mio padre e mia madre. Vedevo quest’uomo che lavorava tutto il giorno per portare a casa dei soldi, vedevo questa donna che faceva la sarta. Quando avevo la febbre c’erano loro due accanto a me, per cui, per me erano mio padre e mia madre. Vado a scuola e vado alle elementari, e li mi accompagnavano esattamente come tutti gli altri genitori accompagnavano tutti i miei compagni di scuola. Un giorno litigo con un mio compagno, ero piccolo e facevo le elementari, in questa litigata il mio compagno si gira e mi dice tu sei un bastardo. Io ci rimango male a quella parola. Non puoi dirmi che sono bastardo, tu non sai neanche cosa vuol dire essere bastardo. E poi perché tu la dici a me…

Questa è una parte della storia di Rosario Caruso (Peppe per gli amici) e questo è il video andato in onda su Mediaset a “C’è posta per te” di Maria De Filippi. Il resto è raccontato da Maria de Filippi…

Ora Rosario ha trovato la sua vera mamma che, in diretta, ha accetto di conoscerlo…

[divider]

http://www.wittytv.it/not-rated/lappello-a-scuola/509746/

[divider]

 
[divider]