Siracusa: Controlli a tappeto e tolleranza zero contro chi sporca la città

spazzatura_fontane_bianche(cassibile.com) SIRACUSA – Via libera al piano di controlli contro chi sporca la città. Il servizio straordinario è partito in queste ore ed è esteso a tutto il territorio, comprese le zone balneari e le spiagge. I controlli sono effettuati da agenti di polizia municipale in borghese e si integra con la pulizia straordinaria fatta nei giorni scorsi dalla Igm.

“L’Amministrazione – afferma il sindaco, Giancarlo Garozzo – è determinata a un cambio di passo rispetto al passato. Abbiamo impegnato la società che cura l’igiene urbana a effettuare un servizio più approfondito, stiamo facendo controlli e saremo intransigenti con i trasgressori; ma riusciremo nell’impresa se avremo la collaborazione di tutti. Chiedo ai tanti cittadini che osservano le regole di aiutarci e di segnalarci i comportamenti scorretti, tanto nello smaltimento dei rifiuti quanto nella raccolta delle deiezioni canine”. Il sindaco, inoltre, chiede ai bagnanti di non riempire con sacchetti di immondizia i cestini collocati nelle spiagge, che servono per le cartacce. I sacchetti vanno depositati, negli orari previsti, nei cassonetti che si trovano lungo la strada.

Linea dura dell’Amministrazione anche contro chi abbandona i rifiuti ingombranti nei pressi dei cassonetti dell’immondizia. “C’è in via Elorina un centro di raccolta perfettamente funzionante che oggi è poco sfruttato – aggiunge il sindaco -. In futuro ne apriremo altri, ma intanto abituiamoci a utilizzare quello esistente”. Il centro di raccolta di via Elorina (telefono, 0931.61131) è aperto dal lunedì al sabato dalle 8 alle 13; il martedì e il mercoledì dalle 15 alle 18.

Intanto, nella prima decade di agosto saranno collocati i 300 cestini portarifiuti annunciati nei giorni scorsi per migliorare il decoro complessivo delle zone maggiormente frequentate. “I contenitori serviranno anche per le cicche di sigarette – spiega il sindaco Garozzo –. Ho detto alla polizia municipale di ricorrere al principio della tolleranza zero contro chi getta a terra carte o mozziconi, siracusani e turisti. Ci definiamo un popolo civile e sono sicuro che lo siamo davvero: dimostriamolo con i comportamenti concreti”.

Rafforza il concetto l’assessore alle Politiche ambientali, Francesco Italia. “Invito tutti a essere rispettosi dell’ambiente e ad amare la città come se fosse la propria casa – afferma –. I siracusani non sono da meno rispetto ad altri; dimostriamolo da subito, adesso che la città è piena di visitatori che possono conservare nella memoria una buona immagine di Siracusa. Se rispettiamo noi per primi la città, anche i turisti faranno lo stesso. Ma se siamo noi a sporcare non possiamo chiedere agli altri di rispettarla”.

Informazioni su Morena Zingales 2362 Articoli
Giornalista pubblicista