Siracusa: Sai 8, dopo articolo su quotidiano, così il presidente Isoppo

acqua1(cassibile.com) SIRACUSA – Con riferimento all’articolo pubblicato sul ” Giornale di Sicilia” in data 05/07/2013 per mezzo del quale e’stata diffusa la notizia che il Consorzio Ato di Siracusa avrebbe provveduto a revocare a SAI8 S.p.A. la concessione di gestione del Servizio Idrico Integrato, l’Ing. Angelo Isoppo, Presidente di SAI8, ritiene necessario precisare quanto segue, al fine prioritario di rassicurare l’utenza, interessata alla continuità ed al buon funzionamento del servizio.

“Ancora una volta si registra l’incivile abitudine di dare in pasto alla stampa notizie falsamente eclatanti al solo scopo di danneggiare l’immagine ed il buon nome del gestore SAI8 e di creare allarmismo e preoccupazione nella comunità siracusana.
Il Consorzio ATO ha ritenuto opportuno suonare le trombe della carica e dell’aggressione nei confronti di SAI8 prima ancora di comunicare al gestore per vie ufficiali le decisioni eventualmente assunte.

Le decisioni preannunciate a mezzo stampa si inscrivono, con tutta evidenza, all’interno di un quadro di illegittima e costante aggressione nei confronti di SAI8, verosimilmente ispirata da calcoli di meschino tornaconto politico. L’applicazione di questo metodo ha già prodotto, sul territorio della Provincia, i risultati in termini di mancato sviluppo e desertificazione del tessuto produttivo che sono sotto gli occhi di tutti e che costituiscono l’unica realizzazione di cui gli ispiratori dell’inusitato attacco nei confronti di SAI8 possono realmente menare vanto.

Nel riaffermare la piena legittimità delle proprie condotte, SAI8 – il cui unico torto è quello di avere creduto nella possibilità di investire sul territorio aretuseo per la realizzazione di un servizio idrico moderno ed efficiente in luogo delle precedenti gestioni, notoriamente fonte di spreco e distorsioni clientelari – tiene a ribadire di avere puntualmente replicato all’atto di diffida che le e’ stato notificato da parte del Consorzio ATO con argomentazioni chiare, precise e dirimenti, che confermano, ove fosse necessario, la validità ed efficacia del contratto di gestione oltre che il puntuale adempimento di tutte le obbligazioni contrattuali e di legge da parte del gestore.
Ancora una volta il Consorzio ATO manifesta noncuranza al limite del disprezzo nei confronti delle sentenze emesse dai Tribunali della Repubblica Italiana. ll Consiglio di Giustizia Amministrativa, infatti, con sentenza n.19/2012, contrariamente a quanto colpevolmente ritenuto dall’Ato, ha dichiarato che il contratto di gestione è valido ed efficace. E come se non bastasse tale pronunciamento è stato ribadito dalla Suprema Corte di Cassazione a Sezioni Riunite con sentenza n.1795/2013.

La posizione del Consorzio appare pertanto, ed ancora una volta, connotata da una evidente volontà di ritorsione rispetto alle iniziative giudiziarie recentemente intraprese da SAI8, che ha richiesto una compensazione per danno ricevuto dal Consorzio ATO per €12.000.000, e complessivamente di oltre €100.000.000 ai Comuni inadempienti.

Pur in presenza delle illegittime ed abnormi iniziative preannunciate dal Consorzio, SAI8 – forte delle proprie buone ragioni e nella serena attesa delle opportune verifiche in sede giudiziaria – continuerà pertanto nella ordinaria gestione del servizio idrico integrato, cui si ritiene pienamente legittimata.”

L’articolo in questione pubblicato sul Giornale di Sicilia.

L'articolo in questione pubblicato sul Giornale di Sicilia
L’articolo in questione pubblicato sul Giornale di Sicilia