Attenzione alla truffa del finto incidente! Giovani aiutate gli anziani

"Suo figlio ha avuto un incidente", è questa la prima frase che spesso dicono

Attenzione alla truffa del finto incidente! Giovani aiutate gli anziani

Attenzione alla truffa del finto incidente! Giovani aiutate gli anziani

Va di moda la truffa del finto incidente, ed è bene che tutti siano informati, anche coloro che ancora non hanno l’accesso ad Internet. Gli anziani, purtroppo, sono spesso vittime di questo tipo di raggiro, alcuni ci cascano, altri, i più furbetti, riescono a scoprire l’inganno.

“Suo figlio ha avuto un incidente”, è questa la prima frase che spesso dicono. “Occorrono subito 5.000 euro per risarcire il danno e per chiudere senza gravi conseguente l’incidente”. Quasi sempre a presentarsi al telefono, un finto avvocato o un finto maresciallo dei carabinieri. Alle volte fanno sentire la voce del figlio e della figlia disperata con “Mamma/Papà Aiutami”. Tutti trucchetti che servono a far cadere la vittima nella trappola. A volte dicono il nome di vostro figlio e fanno di tutto per rendere la storia credibile. Alcuni anziani davvero spaventati per il destino del figlio e, senza pensarci due volte, hanno consegnato la somma di denaro, altri, fortunatamente sono riusciti a capire l’inganno.

Nessun allarmismo, è solo per mettere in guardia, perché a chiunque potrebbe capitare. Visto che il tutto tocca gli effetti più personali, a volte non si ha il tempo di reagire. E’ capitato in molte regioni d’Italia e grazie alla collaborazione dei cittadini con le Forze dell’Ordine molti di questi truffatori sono stati scoperti.

Vi raccontiamo una storia di un’anziana coraggiosa che è riuscita a scoprire il raggiro:

“Con una telefonata ad una anziana madre all’ora di pranzo un avvocato annuncia, per conto del figlio, di un incidente stradale. Tranquillizza sulle sue condizioni di salute ma precisa che occorrono subito cinquemila euro per risarcire il danno e per chiudere senza gravi conseguente l’incidente. L’avvocato riferisce che era stato il figlio a fornirgli il numero di telefono perché l’anziana madre era l’unica che poteva risolvergli urgentemente il problema, per evitare di essere condotto in carcere. Poco dopo una ulteriore chiamata dell’avvocato sollecita i soldi, passandogli al telefono il Maresciallo dei Carabinieri che con tono autoritario riferisce che se non arrivavano i soldi avrebbe portato il figlio in carcere.  Il maresciallo per cortesia gli passa al telefono il (finto) figlio per pochi secondi, utili per dire “Mamma Aiutami”. La signora, memore di notizie su analoghe truffe, ha intuito la verità e ha deciso di far venire la figlia a casa dicendole di essere vittima di una truffa. Quindi la denuncia alla polizia per l’avvio delle indagini sul trio di truffatori, per una volta rimasti a mani vuote”.

Tenete al corrente i vostri nonni e/o genitori, fate in modo che questa notizia sia divulgata. Per qualsiasi cosa chiamate sempre i numeri delle Forze dell’Ordine: 112 Carabinieri, 113 Polizia.

Se vi dovesse capitare una cosa del genere e se la cosa tocca un vostro figlio/figlia o familiare, la prima cosa da fare è telefonare a loro per chiedere se è vero o se stanno bene.

Truffa

Informazioni su Morena Zingales 2317 Articoli
Giornalista pubblicista