Barriere architettoniche davanti Poste Cassibile, approvata richiesta di Galati

CASSIBILE – E’ stata approva e firmata all’unanimità la richiesta presentata dal consigliere di Quartiere Giuseppe Galati, durante la seduta odierna. La lettera, indirizzata all’Assessorato dei Lavori Pubblici del comune di Siracusa e per conoscenza delle Poste Italiane, fa riferimento all’abbattimento e, quindi, all’eliminazione delle barriere architettoniche dell’ufficio postale di Cassibile.

“Con la presente – è scritto nella nota – si vuole segnalare che uno dei fabbisogni della comunità cassibilese, più volte fatto presente da chi è penalizzato dalla mancanza del fabbisogno stesso, è l’abbattimento delle barriere architettoniche esistente nel nostro territorio. E’ vergognoso impedire, ad esempio, in un pubblico come l’ufficio postale, l’autonomia delle persone disabili costrette a chiedere aiuto ai passanti per una raccomandata o pagare una bolletta.

L’inclusione di queste persone – è specificato nella lettera – parte innanzitutto dalle esigenze della quotidianità e dal libero accesso agli spazi pubblici. Nonostante siano passati molti anni dall’entrata in vigore non solo del D.P.R. 384/78, a anche dalla legge 49/86 che prescriveva per gli edifici pubblici già esistenti, di adottare entro un anno i cosiddetti piani di eliminazione delle barriere architettoniche, nessuno mai ha pensato di provvedere a questa elementare esigenza dei cittadini.

Si chiede all’Ufficio tecnico del comune di Siracusa – conclude la nota – di emettere ordinanza alle Poste Italiane S.p.A. di eliminazione dello scalino posto all’ingresso dell’ufficio postale non conforme alle norme vigenti e contemporaneamente ad operare ogni iniziativa utile alla realizzazione di uno scivolo nel marciapiede”.