Bianca, Casella e Galati sparano “a zero” sul presidente…

Giuseppe Galati, Antonio Bianca e Patrizia Casella abbandonano l’aula, durante la seduta del consiglio di quartiere di martedì, 30 settembre 2014.

“Il motivo – spiegano i consiglieri – è stato causato dal fatto che i punti all’ordine del giorno erano stati concordati solo dal presidente, Paolo Romano, senza che lo stesso abbia interpellato nessuno”.

“Siamo rimasti solo all’inizio – hanno detto – perché c’era da votare l’intitolazione dell’aula consiliare al signor Giuntini Sebastiano, già Presidente della Circoscrizione”.

“Dopo aver votato – spiega Giuseppe Galati – si è accesa una feroce discussione che riguarda la festa dello sport e siamo andati via, perché il presidente Romano continua a fare di testa sua”.

“Lui dice – continua Galati – di non partecipare alla festa dello sport perché il campo sportivo è rovinato, quindi attacca l’amministrazione. Questo è un problema che condividiamo – ha detto il consigliere – ma la festa dello sport non l’ha chiesta solo l’assessore Cavarra ma anche i cittadini e le associazioni del territorio. Non è non partecipando che si risolvono i problemi, bensì è partecipando e lavorando, cosa che lui non fa. Lui – aggiunge Galati – fa una politica di opportunismo se c’è il problema mi faccio bello se non c’è, lo creo”.

“Siamo andati via – hanno spiegato – nel momento in cui abbiamo detto al presidente che sono finiti i periodi di fare politica seduti comodamente in poltrona, dove lui si preoccupa solo di garantire determinate cose. Noi faremo la festa dello sport – hanno concluso – perché è voluta dai cittadini”.

Inoltre Galati avrebbe detto al presidente che “chi fa politica perde nel momento in cui si allontana dai cittadini, no quando si allontana dalle camere”.

Ma non finisce qui. Il consigliere Antonio Bianca durante la seduta avrebbe paragonato il presidente Romano ad Alberto Sordi nel film il ‘Marchese del Grillo, quello che diceva io so’ io e voi non siete un…’. Il motivo – ha detto Bianca – che lui porta punti all’ordine del giorno senza condividerli con nessun capogruppo e questo per legge non è fattibile”.

5 Commenti

  1. Quando su temi importanti per Cassibile Fontane Bianche non si ottengono risposte valide diventa assai difficile dare torto ai cittadini che si lamentano, anche per cose futili a diverbi e polemiche sulle cose minute ed ancor di più su problemi di principio quale è stata quella sulla giornata dello sport. La polemica, se così la si vuole definire, non verteva sulla adesione o meno alla giornata dello sport, ma sul principio che la formulazione dell’ O.d.g. sulle riunioni del consiglio di circoscrizione è di competenza della Conferenza dei Capigruppo e non è prerogativa del Presidente del Consiglio stesso. Se a questo aggiungiamo che non è la prima volta che il presidente Romano cerca di mettere sul fatto compiuto i Capigruppo e molto spesso su materie delicate, quale per esempio aver cercato di aprire un c/c bancario intestato alla Circoscrizione, si Capisce la reazione dei Consiglieri dei Consiglieri Bianca, Casella e Galati. Cogliamo l’ occasione per comunicare ai Cittadini che il P.D. ha presentato all’ Assessore all’ Urbanistica e quindi all’ amministrazione Comunale le proposte dello stesso sulle linee guida per il nuovo Piano Regolatore Generale e che sulle stesse proposte abbiamo aperto un confronto con l’ intero Consiglio di Circoscrizione e le Associazioni sociali, culturali, di Categorie rappresentanti le forze sociali e produttive del Territorio di Cassibile Fontane Bianche per un confronto ed un approfondimento che possa portare ad una auspicabile sintesi ed evitare che anche su un atto fondamentale del Comune, Siracusa possa decidere senza le indicazione di Cassibile Fontane Bianche. Grazie a quanti vorranno partecipare. La prossima riunione si terrà giorno 09 ottobre alle ore 19 presso la sala Giuntini del Consiglio di Circoscrizione Via delle Margherite n°2. Cordialmente Orazio Musumeci.

  2. Come tutti sappiamo hanno chiuso la strada x Avola per l’abbattimento del vecchio ponte di Cassibile, e la costruzione di un nuovo ponte in cemento(orrendo) Mi chiedo come mai nessuno si è opposto all’abbattimento del vecchio ponte? è sempre un opera antica a cui ci eravamo affezionati,ma il consiglio di quartiere e la sovrintendenza ai beni culturali che fanno? Per continuare vi siete chiesti come deve fare un agricoltore col suo trattore a recarsi ad Avola o viceversa? O un operaio che possiede un motorino come fà a recarsi a lavorare visto che in autostrada questi mezzi non possono circolare? Allora amministrazione del cavolo vi siete posti questi problemi? Buon lavoro

    • Solo Adesso vedo il commento di Pippo e posso assicurare e rassicurare che la Soprintendenza dove io personalmente lavoro non rimane mai a guardare infatti i lavori di demolizione non sono partiti perchè appunto la Soprintendenza non ha espresso nessun assenso.

  3. Vedere perché il consiglio di quartiere non serve a niente . Se tutto quello che decidete non vi si considera dimissioni subito tutti cosa ci siete a fare? Se x una festa fate tutti sto casino immaginiamo x fatti più seri ma?

I commenti sono bloccati.