Cassibile: “Adesso solo il silenzio può dire tutto. Riposa in pace Nicola”

capture-20130725-094759(cassibile.com) CASSIBILE – Non si tratta di un semplice articolo giornalistico, come solitamente accade quando si descrivono i fatti di cronaca. In queste parole si rispecchia il dolore infinito di una comunità intera, colpita da un’immane perdita. Non ci crediamo ancora, ma purtoppo è successo. Quando arriva la chiamata dall’alto niente e nessuno può farci nulla, dobbiamo solo accettarlo, senza se e senza ma! Nicola Miceli era un grande uomo, amico di tutti.

“Amoroso, disponibile, una bravissima persona, generoso, sempre con il sorriso sulle labbra. Una persona onesta che tutti hanno apprezzato per le sue doti umane che non dimenticheranno mai. La sua morte ha sconvolto l’intero paese”. E’ quello che circola in questi giorni nelle pagine facebook di molti amici cassibilesi.

“Un dolore immenso… colpisce una famiglia provata da uno uguale di tanti anni fa……maledetto destino”. Ha scritto Giuseppe. E’ proprio così: adesso Nicola potrà riabbracciare il tanto amato fratello Antonino che tantissimi anni fa, all’età di 20 anni, lasciò questa vita perché cadde da un’impalcatura mentre lavorava.

“Sono sempre notizie che ti sconvolgono…..ti fanno pensare sempre…le nostre famiglie distrutte dal dolore, riposa in pace…”. Ha detto Corrada.

Tutti ricordano il suo passato e in paese adesso non si fa altro che parlare di questo. Prima di intraprendere l’attività di impreditore all’Autogrill, dove quella “stramaledetta” mattina si stava recando con la figlia, era uno stimato elettricista. Era conosciuto grazie a questo lavoro e molti degli impianti elettrici a Cassibile erano stati realizzati proprio da lui.

Ora la sua casa è circondata da parenti, amici che vanno e vengono. Don Salvatore Arnone, il parroco di Cassibile, è vicinissimo alla famiglia e le sue parole sono confortanti per tutti. L’intero paese sta abbracciando per la seconda volta la madre e tutta la famiglia colpita da un dolore “ripetuto”.

Ma tutte queste parole non servono proprio a niente…è solo lo sfogo di una piccola cittadina travolta dal dolore per la perdita di Nicola, ma non dimentica tutti i suoi figli persi nelle maledette strade siciliane.

E’ adesso solo il silenzio può dire tutto…Dio ti ha voluto con sé. Riposa in pase Nicola. (Morena Zingales)