Cassibile, problemi ufficio postale, martedì incontro consiglio di quartiere con direzione centrale

Scrivi al giornale

CASSIBILE – Soprusi, abusi d’ufficio, di potere e vari atteggiamenti piuttosto pesanti nei confronti di alcuni cittadini che entrano all’ufficio postale di Cassibile. Dopo la segnalazione fatta da una coppia di residenti e la successiva azione da parte del consiglio di quartiere per mezzo del consigliere Giuseppe Galati, qualcosa finalmente si muove.

Un incontro sarà effettuato martedì 18 alle ore 10 alla sede centrale delle Poste Italiane di Siracusa. All’incontro parteciperanno i consiglieri di quartiere, il direttore delle poste di Cassibile e la direzione centrale di Siracusa.

La riunione sarà l’occasione, oltre a segnalare i recenti casi accaduti, anche quella di richiedere l’eventuale possibilità di apertura pomeridiana in vista della stagione estiva, nonché la presenza di un ufficio postale a Fontane Bianche. 

Ecco alcuni commenti su facebook da parte di cittadini in merito ai soprusi, abusi d’ufficio, di potere e vari atteggiamenti piuttosto pesanti nei confronti dei clienti:

commenti_poste (1)

commenti_poste (2)

6 Commenti

  1. Concordo perfettamente con quanto scritto da Jennifer, ma ribadisco ancora una volta che quel locale è veramente deprimente, stretto, sa di sporco, quando c’ è tanta gente dentro diventa maleodorante, non c’è lo spazio per il rispetto della privacy: tutti possono ascoltare, senza bisogno di tendere l’orecchio,quale operazione deve eseguire chi è davanti allo sportello.Questo non è per niente bello. Bisognerebbe: a)ampliare l’ufficio non più adeguato alle esigenze della popolazione, b)educare gli impiegati al rispetto degli utenti, alla tolleranza dei vecchietti che,spesso,non per colpa loro,non sanno neanche apporre la propria firma, o peggio ancora non ce la fanno a stare in piedi.

  2. Ciao a tutti i Cassibilesi, qualcuno non ha capito che Cassibile e cresciuto tanto e l’ufficio postale oramai è un buco !
    Un buco dove si vede e si sente di tutto da Marocchini, albanesi, cinesi, e non solo da Avola e dintorni vengono nel nostro paese perché le loro poste funzionano peggio dunque non ci lamentiamo con la gente che lavora perché poverini vorrei voi dietro gli sportelli a sopportare la maleducazione della gente e oggi con questa crisi la gente non ha rispetto per nessuno! Ufficio postale nuovo e gente fresca …

    • Magari facciamo una selezione(stile Discoteca): alle Poste Italiane di Cassibile mandiamo soli i clienti alti,belli e con gli occhi azzurri e tutti gli altri sporchi brutti e cattivi li mandiamo alle Poste private.. ma vi rendete conto delle parole che scrivete..
      La Posta di Cassibile deve dare un servizio alla comunità che sia efficiente e uguale per tutti sia che i clienti sono paesani, italiani o no.

  3. Ci vorrebbe non solo una rimodernata, ma anche un ampliamento con l’apertura almeno di qualche altro sportello per poter velocizzare le operazioni. La popolazione di Cassibile- Fontane Bianche è molto aumentata e gli sportelli postali esistenti non bastano più a servire i cittadini. In estate, specialmente, al numero già cospicuo di cittadini si aggiunge il flusso di turisti e succede, quindi, il caos: code dentro e fuori l’ufficio, macchine parcheggiate dove capita, il caldo afoso contribuisce ad incrementare il nervosismo della gente e, così succede quello che succede.

  4. Non tutti i dipendenti sono scorbutici, ma sicuramente il problema principale è la mancanza di pazienza con i clienti,che sono soprattutto persone anziane.Quando un anziano non capisce e magari alza un pò la voce e parla in dialetto praticamente gli rispondono a tono e in modo sgarbato invece di spiegarsi meglio con gentilezza.Inoltre nei giorni di pensioni o scadenze particolari c’è sempre un sovraffolamento a causa dei pochi dipendenti che inoltre poi si dedicano a fare operazioni interne durante l’orario di apertura al pubblico.Il direttore dovrebbe indirizzare i dipendenti a comportarsi in maniera corretta e ottimizzare il lavoro e invece fa tutt’altro essendo molto spesso il primo a essere poco cortese.Per mia esperienza però voglio anche dire che ho assistito a comportamenti errati da parte di noi cittadini;mi è capitato più volte di vedere persone perdere tempo a causa di molte operazioni da fare e la gente ha iniziato a lamentarsi in modo poco civile con l’operatore perchè perdeva troppo tempo. La pazienza e l’educazione ci vogliono da entrambe le parti, ma certo è che chi lavora in un ufficio pubblico dovrebbe averne molta di più, altrimenti con ogni cliente è un litigio.E poi sarebbe anche ora di dare una rimodernata all’ufficio postale, che sa veramente di sporco e dove l’aria è spesso irrespirabile.

    • “Quei poveretti” come li chiami tu sono delle persone pagate dallo Stato con i soldi dei cittadini per dare un servizio al Paese, dovrebbero essere gentili, cordiali e sorridenti proprio perché lavorano comodamente seduti, con l’aria condizionata fresca/calda senza dover fare degli sforzi e nonostante questo i dipendenti della Posta di Cassibile approfittano della loro posizione di potere per schernire gli anziani e creare confusione ogni mattina, giorno dopo giorno. Io penso, caro Angelo, che tu non hai idea di cosa significa lavorare.. esprimi il tuo pensiero davanti a un padre di famiglia didoccupato che vorrebbe essere volentieri al posto di “quei povrretti”..

I commenti sono bloccati.