Cassibile, Romano in tv risponde sull’Autonomia, ma Saitta interviene su facebook “per amore della verità…”

Una diretta su un canale locale ha causato tanto clamore su facebook tra due noti personaggi di Cassibile: Paolo Romano, presidente della circoscrizione di Cassibile e Biagio Saitta, Medico Legale, ex candidato alla presidenza del quartiere nelle scorse amministrative e anche molto conosciuto in ambiente politico.

Paolo Romano ospite in diretta, ieri mattina 18 novembre 2014, di una trasmissione televisiva avrebbe risposto ad una domanda sull’Autonomia dicendo che “i cassibilesi non desistono”. Il presidente della circoscrizione avrebbe anche detto che “qualcosa si starebbe muovendo a Palermo per quanto riguarda il referendum”.

La risposta in tv di Romano non sarebbe piaciuta al Dottor Biagio Saitta. Quest’ultimo ha reagito scrivendo un post su facebook “…solo per chiarire e per amore della verità”.

[box type=”warning” align=”alignleft” ]“Stamani (ieri) – commenta Saitta – di prima mattina mi chiama un amico di Avola e mi dice di aver visto un’intervista a Canale 8 di Paolo Romano, presidente del consiglio di quartiere di Cassibile che dichiarava di aver avuto contatti a Palermo per riprendere il discorso dell’Autonomia della nostra frazione. Ma come può vivere quest’uomo nella costante menzogna!!!, interviene Saitta su facebook. “Ad aver avuto contatti con l’assessorato regionale agli enti locali – è spiegato da Saitta nel post – sono stati solo il nostro avvocato Emanuele Tringali, il Presidente professore Emanuele Baronetto e il consigliere comunale Giuseppe Casella e l’unico a sostenere economicamente tutte le spese di giudizio è stato solo il sottoscritto ….. Romano – continua – non si è mai letto una sola carta del lunghissimo carteggio sull’autonomia, ha assunto solo qualche notizia, e ne ha dato subito l’annuncio, dal nostro avversario di sempre l’avvocato Bianca del Comune di Siracusa ed ha solo scritto quel noioso, retorico libretto sull’autonomia pieno di errori di grammatica ed ortografia……quest’uomo – conclude Saitta – purtroppo è affetto da parassitismo politico da cui non guarirà mai………solo per chiarire e per amore della verità”.[/box]

Il presidente Romano, leggendo il post di Saitta non tarda a replicare e usando lo stesso mezzo riporta un messaggio:

[box type=”note” align=”alignleft” ]“Cari Concittadini, in queste ore sono stato oggetto di ignobili, ingiustificate e false accuse. Come è mio solito non rispondo mai, né commento il pensiero di ogni cittadino che rispetto anche se non lo condivido. Così sono stato educato. Pertanto anche in questa occasione non rispondo”.
Romano sempre nello stesso post dà seguito facendo un piccolo paragone raccontando una piccola favola – a suo dire – “dalla morale molto significativa cioè quella di Esopo: La Volpe e l’uva”.
“Una volpe affamata vide dei grappoli d’uva che pendevano da un pergolato e tentò d’afferrarli. Ma non ci riuscì. “Robaccia acerba!”, disse allora fra sé e sé; e se ne andò. Morale: Così, anche fra gli uomini, c’è chi, non riuscendo, per incapacità, a raggiungere il suo intento, ne dà la colpa alle circostanze. Saluti Paolo Romano. Sine garbo ut meraviglie quidem”.[/box]

Una diatriba che ha collezionato vari mi piace, commenti e diverse condivisioni su facebook, sia da una parte, sia dall’altra.
Situazione che avrà tanto da dire nei prossimi giorni e che infastidisce il Dottor Saitta al punto da spingerlo a prendere una definitiva decisione. Lo ha dichiarato lo stesso successivamente e sempre su facebook:

[box type=”info” align=”alignleft” ]“Ho appreso con soddisfazione che il mio intervento di ieri su facebook ha sortito i suoi benefici effetti. Invero, a distanza di molti mesi dall’ultima campagna elettorale che mi ha visto tra i protagonisti, avevo accettato serenamente il responso elettorale e avevo preso la mia decisione di non fare più politica attiva e di occuparmi con maggior impegno nel mio lavoro e dedicarmi alle cose piacevoli della vita: teatro, sport, studio. Ma qualche mosca cocchiera continua a stuzzicarmi per cui ho riconsiderato la mia decisione e riprendo la lotta politica e, poiché non ho più nulla da perdere perché non sarò più un candidato diretto, la farò a modo mio – conclude Saitta – con una piccola rubrica che voglio istituire…PINOCCHIATE NO GRAZIE e vi assicuro che ci divertiremo perché ho un elenco già nutrito che vi rivelerò a puntate….”[/box]

1 Commento

  1. Ci riserviamo sempre un ruolo di collante fra due personaggi in cerca di autore! Continuano a non capire che dovremmo unire le forze contro chi ci tiene segregati e non ci consente di essere uomini liberi di decidere le sorti del nostro territorio, dell’ amministrare la nostra comunità e di essere i veri artefici del destino delle nuove generazioni; i nostri figli ed i nostri nipoti. Ce la vorremmo mettere tutta, la nostra passione e la nostra convinzione, per farlo comprendere ai più riottosi che senza la nostra unità gli Amministratori di Siracusa continueranno a darci solo il lecca lecca per l’ amico di turno. Ma la loro mania di essere uomini di grandi potenzialità non ci consente di metterci tutti attorno ad un tavolo e trovare la strategia giusta ed unitaria per affrontare l’ interlocutore di turno. Preferisco lavorare per Cassibile Fontane Bianche in solitudine piuttosto che rinunciare a tutte le cose che insieme abbiamo ritenuto valide per Cassibile Fontane Bianche. Pensano di essere i migliori e non si rendono conto che sono solo dei meri megalomani. SIGNORE PERDONA LORO PERCHE’ NON SANNO QUELLO CHE FANNO! Mi auguro che lo facciano solo in buona fede. Cordialmente Orazio Musumeci

I commenti sono bloccati.