ITALIA, POVERTÀ, TEMPO DI SCELTE E DI AZIONI

news_foto_27740_CARITAS_poverta-2(cassibile.com) ITALIA – In occasione della Giornata Internazionale Onu di lotta alla Povertà, Caritas Italiana diffonde un documento di analisi del fenomeno della povertà economica e di valutazione delle politiche nazionali di contrasto. È la prima di una serie di pubblicazioni promosse da Caritas Italiana che, nel corso del 2014, approfondiranno il tema della povertà economica nel nostro paese, da diversi punti di vista. All’interno del documento vengono presentati dati aggiornati al primo semestre 2013 sulle persone che si rivolgono ai centri di ascolto della Caritas.

Sono per un terzo italiani (31,1%), in larga parte donne (53,6%), in maggioranza disoccupati (62,4%) e per tre quarti con figli (74,7%) i poveri che si rivolgono ai Centri di Ascolto della Caritas. Quello che chiedono, in tre casi su quattro, sono beni materiali (75,6%), molto più dell’ascolto (7,6%), di un alloggio (5%) o di un sussidio economico (4,8%).

Impressiona il dato sull’età: il 27,7% di chi si rivolge ai Centri d’Ascolto ha meno di 35 anni. Rispetto agli anni precedenti, l’ultima rilevazione registra una diminuzione, tra gli utenti, delle persone senza fissa dimora (-14,7%) di contro a un aumento delle casalinghe (+12%). Aumentano sensibilmente gli italiani (+16,7%).

La foto di gruppo che ne risulta denuncia l’allarmante impoverimento di numerose famiglie italiane: padre disoccupato, madre casalinga, in giovane età e con figli piccoli; alloggio a disposizione, di proprietà o forse concessa in uso da parte di familiari; gravi difficoltà economiche che si ripercuotono sulla vita di tutti i giorni (il 34,8% è indigente). Più che un sussidio, chiedono beni materiali: generi alimentari, vestiario, strumenti per la casa e per l’igiene personale. Tra gli italiani, quasi un quarto sono separati o divorziati (22,7% rispetto al 14,6% degli stranieri).

Negli ultimi anni è inoltre aumentato, in termini assoluti, il numero di persone che si sono rivolte ai Centri di Ascolto: +24,8% dal 2011 al 2012 (+ 54,1% dal 2008 al 2011). Così come è aumentata la richiesta di beni e servizi materiali (+8,5%), passata dal 67,1% al 75,6% delle richieste totali.

Guarda la presentazione del documento povertà Caritas 2013
http://www.slideshare.net/Caritas_Italiana/presentazione-documento-povert-caritas-2013

Informazioni su Morena Zingales 2294 Articoli
Giornalista pubblicista