Siracusa, ospedali aperti a tutte le religioni, Zappia convoca tavolo Interreligioso

SIRACUSA – Gli ospedali della provincia di Siracusa saranno aperti a tutte le fedi e religioni e ai pazienti ricoverati e ai loro familiari sarà garantita la libertà di culto e la possibilità di interfacciarsi con rappresentanti della propria fede tutte le volte che ne avvertiranno il bisogno, soprattutto nei momenti più difficili della loro permanenza in ospedale.

E’ un importante passo, nel processo di umanizzazione dei servizi sanitari, nel campo dell’integrazione, della tutela dei diritti di tutti i cittadini e della tolleranza, che il commissario straordinario dell’Asp di Siracusa Mario Zappia ha inteso concretizzare convocando un tavolo interreligioso con i rappresentanti delle principali Comunità religiose diverse dalla Religione Cattolica presenti su tutto il territorio provinciale per la condivisione di un protocollo d’intesa.

L’incontro vedrà la partecipazione dell’assessore regionale della Salute Lucia Borsellino e si svolgerà mercoledì 26 febbraio alle ore 16 nei locali dell’Ufficio Formazione dell’ospedale A. Rizza di viale Epipoli. Attorno al tavolo, al quale sono stati invitati anche l’arcivescovo di Siracusa mons. Salvatore Pappalardo, i cappellani dei cinque ospedali della provincia e i direttori medici di Presidio, siederanno i rappresentanti delle Comunità Ortodossa Rumena, Ebraica, Islamica, Buddista Soka Gakkai, della Chiesa Evangelica Battista, Testimoni di Geova, della Chiesa dei Santi degli Ultimi giorni.

Il protocollo d’intesa sarà ovviamente integrabile con atti successivi per tutte quelle altre religioni, fedi e confessioni che ne richiederanno la sottoscrizione. “Il Piano della Salute della Regione Sicilia e la legge di riordino del Sistema sanitario regionale riconoscono, tra i principi fondanti, anche quello dell’umanizzazione – spiega il commissario straordinario Mario Zappia – come principio che sottende a tutte le azioni socio-sanitarie affinché il prendersi cura delle persone e non della sola malattia, costituisca il punto centrale della mission di ogni Azienda sanitaria. Anche nel “Piano di Umanizzazione” adottato dalla nostra Azienda riteniamo fondamentale prevedere azioni mirate a favorire l’umanizzazione quale capacità di rendere i luoghi di cura e le stesse pratiche medico assistenziali “aperti”, conciliando le politiche di accoglienza con percorsi assistenziali il più possibile condivisi e partecipati con il cittadino.

La concezione olistica del paziente impone la ricerca di nuovi percorsi affinché l’umanizzazione, in tutte le sue articolazioni, possa assumere una funzionalità operativa tale da garantire il raggiungimento di percorsi di eccellenza. Va considerato, tra l’altro, che i dati sui ricoveri nel 2013 nei presidi ospedalieri di Siracusa, Avola, Noto, Augusta e Lentini registrano un sensibile aumento del numero dei pazienti ricoverati di altre culture e religioni anche in considerazione della peculiarità del territorio siracusano interessato dal massiccio fenomeno dell’immigrazione.

Ritengo fondamentale, pertanto, nel processo di human-care dell’Azienda Sanitaria di Siracusa, un ulteriore passo nel campo dell’integrazione, garantendo indistintamente a tutte le persone ricoverate anche la libertà di culto e di potersi interfacciare con i rappresentanti della propria fede. E’ mio fermo obiettivo, pertanto, giungere alla firma di un protocollo d’intesa con le Comunità religiose diverse dalla Religione Cattolica presenti nel territorio siracusano, al quale potranno aderire successivamente anche tutte le altre Comunità che ne faranno richiesta. Durante l’incontro valuteremo insieme i contenuti del protocollo che abbiamo già abbozzato per giungere nei giorni immediatamente successivi alla sua sottoscrizione”.

Informazioni su Morena Zingales 2297 Articoli
Giornalista pubblicista